Il Camper è un “compagno di viaggio” che vive insieme a te e alla tua famiglia le gioie e le avventure che ti appresti a vivere! Ma come tutti i “buoni amici”, anche il Camper ha bisogno di attenzioni…

Strano a dirsi ma, spesso un problema sottovalutato che si può verificare sul nostro veicolo è quello della mancanza di controllo della batteria di Servizio. La batteria è il cuore vero e proprio del Camper, il centro pulsante dell’energia. E, vista la  centralità della sua funzione, un controllo saltuario non fa mai male…

Vediamo allora le problematiche che, nel corso del tempo si possono verificare

DOVE SI FANNO I MAGGIORI ERRORI DI MANUTENZIONE?

Innanzitutto, quali sono le batterie di servizio che si possono installare sul Camper? Quelle più utilizzate sono le AGM, quelle al Gel, più raramente quelle ad Acido Libero (attenzione però ad avere una apposita valvola di sfogo per i fumi!!!) e, recentemente, quelle al Litio. Ognuna ha i suoi pro ed i suoi contro, come per tutte le cose. Ma, in linea generale, vi sono alcune cosa da tenere in considerazione o da evitare completamente. Vediamole insieme:

  1. L’età delle batterie è essenziale per il suo funzionamento. Se una batteria, che a prima vista mantiene la sua parvenza pulita, lucida e intatta ma, in realtà, ha un’età “anagrafica” avanzata, allora tanto vale comprarne una usata. Questo perché il deterioramento avvenuto nel corso del tempo può portare ad una mancanza di potenza ed efficienza, fino ad una impossibilità completa per l’utilizzo. Quindi occhio alla “carta d’identità” delle batterie!
  2. Non dimenticatevi di caricare la vostra batteria, se questa si scarica. Lasciare la batteria del vostro Camper senza energia, scarica, per un periodo continuativo e prolungato di tempo incide più di quanto si possa pensare sulla sua durata. Lo sapevi che basto anche solo 7 giorni “a terra” per dover cambiare la batteria con una nuova? 

3.   Attenzione al carica-batterie! Se datato o mal funzionante, l’utilizzo del caricabatterie potrebbe risultare più dannoso che altro. Si possono verificare anche dei danni veri e propri irreparabili alla batteria, la quale rischia di danneggiarsi irreparabilmente. 

4.   Non bastano pochi minuti con il Camper acceso per ricaricare la batteria. Una batteria di servizio ha un tempo di ricarica che può variare da 30 minuti fino a qualche ora. Tentare di ricaricare la batteria semplicemente lasciando il vostro mezzo acceso sotto casa per pochi minuti serve davvero a poco, anzi. 

Certo sono piccoli gesti che, come concessionaria e venditori di batterie di servizio, ci teniamo a farvi presente per evitarvi costi “indesiderati”…

E ALLORA COSA POSSO FARE PER AVERE CURA DELLA MIA BATTERIA?

Prima vi dicevamo che la batteria è il “cuore” del Camper, dove parte l’energia che dà vita a tutti i servizi necessari presenti al suo interno. Pompe per l’acqua, luci, freezer, tv, prese. Insomma, non possiamo davvero farne a meno!

Alle volte, alcuni concessionari che vogliono lucrare su piccoli problemi (magari anche risolvibili) presenti nei camper dei clienti, tendono ad esagerare e proporre soluzione drastiche, come la sostituzione di interi prodotti. E la batteria è uno di questi. Questo capita a causa della mancata comunicazione del concessionario al cliente sul corretto utilizzo, rendendo necessaria una sostituzione prima del previsto.

Pertanto, per evitare questi spiacevoli inconvenienti, grazie anche alla nostra esperienza pluridecennale nel settore, vi proponiamo alcuni consiglio utili per aumentare la longevità della batteria del vostro Camper…

Come anticipato prima, le batterie “soffrono” il fatto di rimanere scariche ed inutilizzate per molto tempo. Sembra strano, ma un utilizzo costante può, in alcuni casi, allungare la durata di vita delle batterie di servizio per Camper. 

Infatti, se lasciate per molti giorni (a volte anche per mesi!) inutilizzate, si corre il rischio di non garantire più la stessa resa, portandole, velocemente, all’inutilizzo completo. Come possiamo risolvere il problema? Durante il periodo di inutilizzo del vostro Camper (come, ad esempio, durante la stagione invernale) la batteria necessiterebbe di una ricarica completa di 36/48 ore ogni 60 giorni. Certo, non è facile ricordarsi quando e come si effettuata l’ultima ricarica. La soluzione? I pannelli solari! Lasciando il vostro Camper all’aperto, questi ricaricheranno la batteria, lasciando a noi il tempo di occuparci di altro sul nostro Camper! Ovviamente, neanche a dirlo, questa soluzione non è utilizzabile nel caso in cui il vostro Camper è rimessato al coperto…

Il “trucco dell’espero”: collegate una presa 220V ad un timer, così da permettergli l’erogazione di corrente almeno 1 ora al giorno.

Così come spegnere la spia del televisore di casa vi permette di risparmiare alcune decine di Euro all’anno sulla bolletta della luce, anche scollegare il cavo Negativo (con il segno -) della vostra Batteria di Servizio vi permette di evitare che questa possa essere scaricata da piccoli assorbimenti di corrente continui. Anche una piccolissima spia accesa all’interno del Camper, collegata all’impianto di servizio, causa lo scaricamento dello batteria che, a poco a poco, perde potenza. Per evitare questo, vengono venduti dei kit stacca batteria per permettere facilmente il “riposo” corretto e lo scaricamento.

Per cui quando rimessate il Camper per lungo tempo, ricordatevi di staccare il polo Negativo. Bastano pochi minuti per riuscire a risparmiare alcune centinaia d’Euro. Facile, no?

“Vado a fare un giro così ricarico la batteria”. Non bastano pochi kilometri o minuti per ricaricare la batteria tramite la messa in moto del Camper. Per effettuare una ricarica completa della batteria bisogno compiere un vero e proprio viaggio, di almeno 18-24 ore. E non fatevi illusioni: anche se il pannello di controllo del vostro mezzo segna una ricarica completa, non fidatevi mai troppo. Spesso questi forniscono dei dati fittizi, che tengono in considerazione delle pre-impostazioni con cui i pannelli di controllo vengono realizzati. Il rimedio migliore di tutti è ricaricare la batteria con un vero e proprio caricabatterie.

Attenzione: se il caricabatterie presenta problemi o malfunzionamenti, questo rischia di compromettere la batteria. Per questo vi consigliamo di spendere un po’ di più perr acquistare un modello funzionante e valido.